L' ORTO BOTANICO DI SIENA


Un giardino nel centro storico

    L'Orto Botanico di Siena è uno splendido parco nel centro storico della città, arricchito con serre e laghetti, e percorso da vialetti e scalinate, che lo rendono l'unico orto botanico terrazzato d'Italia, ma faticoso sopratutto nelle giornate afose.

    E' inserito in un contesto storico di prim'ordine, in quanto si estende fin sotto le trecentesche mura della città e c'è anche una fonte medievale, che fa parte di un sistema idraulico unico al mondo.

    Dal settembre 2014 è richiesto un biglietto di ingresso (6,5 - 9,5 €), molto più alto rispetto ad altri orti botanici. Agli ospiti dell'agriturismo possiamo offrire una riduzione di 1,5 €.

Il Parco ottocentesco

    L'itinerario di visita inizia con la cosiddetta "Scuola": sono delle terrazze realizzate all'inizio del 1900 per ospitare le piante officinali, mentre oggi sono coltivate a scopo didattico anche piante alimentari come cereali e leguminose.
    Segue il "Parco" vero e proprio, suddiviso in varie aiuole con la caratteristica impronta ottocentesca, dove le piante sono ordinate secondo i dettami scientifici della botanica sistematica. Qui si trovano alcuni alberi esotici di grandi dimensioni già presenti alla fine dell'ottocento, testimoni dell'antica impostazione dell'Orto dei Semplici.
    Nella parte centrale del Parco sono presenti le piante indigene della Toscana centro-meridionale, suddivise in fasce vegetazionali: costiera, collinare e montana.

Tiepidari e limonaie: la flora esotica

    L' Antica serra, costruita nel 1875 con vetri colorati gialli e blu, è uno dei luoghi più suggestivi dell'Orto botanico e riproduce il clima caldo umido delle foreste tropicali. Accoglie orchidee, agavi, felci, agrumi, papiri, caffè e piante insettivore. Le piante più curiose sono il Fiore di cera (Hoya carnosa), l'Albero che cammina (Pandanus veitchii) e le piante atmosferiche (Tillandsie spp.).
    In un'altra serra, chiamata Tiepidario, si può ammirare una miriade di piante grasse come cactus e ficus, tipiche degli habitat desertici (anno 1977 e 1980, 350 mq).
    La Limonaia è una serra fredda che in inverno ospita la collezione di agrumi, gerani e calle . Nel periodo estivo le piante delle serre vengono in gran parte sistemate lungo i vialetti esterni (anno 1964, 38 mq).

Giardini e collezioni: la flora nostrana

    Nell'Orto Botanico di Siena sono stati ricostruiti alcuni ecosistemi caratteristici della Toscana centro-meridionale, dove ammirare molti esemplari della flora locale.
    Il giardino roccioso riproduce tre tipologie di suoli (calcareo, ofiolitico e arenaceo) ed ospita le specie, anche endemiche, che crescono su questi particolari substrati.
    Il felceto è una scarpata rocciosa con uno stillicidio d'acqua che ospita una raccolta di Felci e di Equiseti, accanto ad altre piante degli ambienti umidi, mentre due vasche conservano piante acquatiche divenute rare in Toscana come Nymphaea alba, Nuphar lutea e Nymphoides peltata.
    La collezione di orchidee spontanee della Toscana centro-meridionale è paritcolarmente interessante ed offre con stupende fioriture in aprile-maggio.
    Nel fondovalle, attorno alla fonte medievale, c'è il Podere, che riproduce il paesaggio agricolo della campagna toscana, con filari di vitigni del Chianti, alcune cultivar di olivo e piante da frutto, compresa una collezione di "frutti antichi".

Tra storia e leggenda

    L'Orto Botanico di Siena ha una storia antica. Un Giardino dei Semplici (così si chiamavano le piante medicinali), probabilmente realizzato attorno al 1588, era collocato nei pressi del Santa Maria della Scala, uno dei più grandi ed antichi ospedali trecenteschi, per produrre piante medicinali e piante officinali.
    Con lo sviluppo delle scienze, le scoperte geografiche ed il fascino dell'esotico, il Giardino dei Semplici si aricchì di "piante non comuni", cambiando le sue finalità e trasformandosi nel 1784 in Orto Botanico, alle dipendenze dell' Università di Siena.
    La necessità di spazi più ampi portò nel 1856 a trasferirlo nella sede attuale, accanto ad un antico convento camaldolese oggi sede del Museo di Storia Naturale.
    Secondo la leggenda, nell'orto botanico si aggira un fantasma, custode del tesoro del convento camaldolese, che un frate aveva sotterrato per sottrarlo ai soldati di Napoleone, fattosi poi uccidere piuttosto che rivelare il suo segreto.

Attività dell'Orto Botanico di Siena

    Il Giardino Botanico di Siena ha l'obiettivo di far conoscere al grande pubblico le specie vegetali esotiche e le specie spontanee della Toscana al fine di stimolare il rispetto e la conservazione della natura. Le piante, infatti, sono accompagnate a un cartellino giallo per le specie esotiche e bianco per le specie italiane, sul quale è riportato il nome scientifico e l'areale di distribuzione.
    Un'altra attività dell'Orto Botanico di Siena è la conservazione del patrimonio genetico di oltre 1.100 specie vegetali: i semi delle piante vengono raccolti, conservati in appositi archivi e scambiati con altri Orti Botanici.
    L'Orto Botanico è affiancato dall'Erbario, insieme al quale forma il Museo Botanico: è una raccolta di 80.000 campioni vegetali e funghi essiccati, provenenti per lo più dalla Toscana Centro - Meridionale, comprese collezioni storiche del '700.

Informazioni turistiche

LUOGO
     Orto botanico di Siena
     - Via P.A. Mattioli 4 (zona Porta Tufi)
     - Ingresso dal cortile del
         Dipartimento di Biologia Ambientale
     - tel. 0577-298871
     - www.museobotanico.unisi.it


ORARIO
     Tutti i giorni dell'anno,
     dal 1 marzo al 15 giugno: 10:00 - 17:30
     dal 16 giugno al 16 settembre: 10:00 - 19:00
     dal 16 settembre al 15 ottobre: 10:00 - 17:30
     dal 16 ottobre al 28 febbraio: 9:30 - 16:30


COSTO
     Alta stagione di fioriture
     (20 marzo - 30 giugno)
        intero 9,50 €
        ridotto 7,50 €
        convenzioni: 6,00 € (universitari)
        famiglia: 25 € (genitori + figli fino 14 anni)

     Bassa stagione di fioriture
     (1 luglio - 19 marzo)
        intero 8,00 €
        ridotto 6,50 €
        convenzioni: 5,00 € (universitari)
        famiglia: 20 € (genitori + figli fino a 14 anni)

Gratis: bambini fino a 6 anni, portatori di handicap superiore al 51%.
Ridotto: ospiti agriturismo La Torretta, over 65, ragazzi 6-14 anni, associati FAI e TCI, accompagnatori portatori di handicap, comitive minimo 10 pax.
Guida ambientale: supplemento a persona 4-6 € (alta-bassa stagione), minimo 10 pax (diritto a biglietto ridotto), su prenotazione


REGOLAMENTO
- In nessun caso si deve entrare nelle aiuole e nelle zone a prato;
- E' vietato raccogliere fiori, frutti, semi o altre parti di piante anche se cadute a terra;
- I bambini devono essere accompagnati da adulti;
- Non è consentito l'ingresso di cicli, motocicli e animali;
- I rifiuti devono essere depositati negli appositi contenitori per la raccolta differenziata;
- Non ci si deve avvicinare alle aree di lavoro.

© Copyright 2007-2014 Fabio Gori