MUSEO ETNOGRAFICO DEL BOSCO


Il Museo del Bosco

    E' un piccolo e simpatico museo che fa ricordare le nostre radici, e punto di partenza per una piacievole passeggiata.
    Allestito in un tipico fabbricato rurale ai margini del piccolo paesino di Orgia, raccoglie testimonianze della vita e del lavoro nel bosco: una collezione di attrezzi e di oggetti della vita quotidiana, testimonianze orali degli anziani della zona trascritte su pannelli, e immagini di archivio per capire come si usavano gli attrezzi e come si svolgeva la difficile vita di allora, cadenzata a seconda delle stagioni.
    Inoltre propone 5 percorsi ad anello che percorrono una rete di sentieri dove trovare le tracce delle attivitè nel bosco, come le carbonaie ed i seccatoi delle castagne.

Gli oggetti della vita contadina

    Al museo troviamo curiosi attrezzi della vita di allora, tutti rigorosamente in legno, delle vere e proprie opere d'arte, ognuno con la sua storia ed i suoi aneddoti: un rastrello con denti in legno, graticci per essiccare fichi, secchi che servivano per misurare le quantità dei prodotti (lo staio), borracce e recipienti, una sella da soma ed anche giochi per bambini.


Sovicille, Museo Etnografico del Bosco
La collezione di attrezzi di antichi mestieri e della vita quotidiana nel bosco.

Il lavoro dei boscaioli

    Nel museo sono esposti i diversi tipi di attrezzi usati nel bosco, e diverse foto per capire come venivano utilizzati.
    Infatti, nel bosco, ognuno aveva la sua specializzazione: c'era chi abbatteva la pianta, chi toglieva i rami, chi affettava il tronco in tavole, e per ogni operazione si usavano attrezzi diversi, che avevano in comune il fatto di essere azionati dalla sola forza delle braccia dei boscaioli.

Il lavoro dei carbonai

    Nel museo troviamo tutto il necessario per capire la struttura ed il funzionamento delle carboonaie: il modellino di una carbonaia, gli attrezzi utilizzati dai carbonai ed alcune foto d'epoca.
    I carbonai erano i depositari dell'arte che consentiva di ottenere carbone vegetale dalle piante, che non serviva solo a produrre calorema veva anchealtri impieghi. Per ottenerlo, si costruiva un cumulo di tronchetti di legno, lo si ricopriva di terra e foglie, lo si accendeva all'interno e lo si governava affiché il tutto bruciasse senza fiamma. Solo alla fine si poteva vedere il risultato: se bruciava troppo si otteneva cenere, se bruciava poco si trovava legno non carbonizzato.
    Era un lavoro duro, perché i carbonai vivevano nel bosco per mesi, anche con donne e bambini, in rifugi di fortuna, cibandosi di quello che riuscivano a trovare.

Il lavoro al seccatoio

    Alcuni seccatoi si trovano lungo i sentieri che partono dal Museo: sono piccoli fabbricati dove in autunno si essiccavano le castagne, in modo da renderle conservabili per tutto l'inverno e oltre.
    Il castagno da frutto non trova in questa zona il suo ambiente migliore, ma è stato piantato sulle sommitè dei rilievi circostanti per fornire preziosi alimenti con cui sfamarsi.
    Sul pavimento del seccatoio si accendeva il fuoco e su un graticcio sovrastante si disponevano le castagne da esssiccare, che venivano introdotte direttamente al piano superiore attraverso la finestrella che si apre a monte.

I percorsi nel bosco

    Il museo propone 5 itinerari ad anello della rete dei cammmini per un totale di 5 km che percorrono i boschi circostanti, passando accanto airesti di due romitori, due essiccatoi per le castagne, una fornace, piazzole per le carbonaie e fortificazioni protostoriche come quelle del poggio di Siena Vecchia, e spingendosi fino al fiume Merse, dove possiamo trovare ruderi di mulini ad acqua, per poi arrivare fino al Castel che Dio Sol Sa, sperduto nella foresta.

Informazioni turistiche

LUOGO
    Museo Etnografico del Bosco e della Mezzadria
    localitò Orgia (poco prima di arrivare al paese, sulla destra)
    Sovicille (a sud di Siena)

ORARIO
    da 1 marzo a 30 settembre: venerdì e sabato 9-13
    da 1 ottobre a 28 febbraio: sabato 9:30-12:30

COSTO INGRESSO
    intero 2 euro
    ridotto 1 euro (bambini da 6 a 14 anni)
    gratis under 6 e over 65.

RECAPITI
    Tel. 0577-342047

Aggiornato ottobre 2019. Orari e costi possono aver subito variazioni.