DREAMWOODS - SELVA DI SOGNO

Il bosco magico

    A pochi chilometri da Siena e dall' Agriturismo La Torretta di Siena, c'é un bosco magico con 120 sculture di pietra, un'esperienza davvero unica per gli amanti dell'arte, della natura e della meditazione, o semplicemente di una passeggiata rilassante.

    Sono le sculture di Deva Manfredo, realizzate accostando tra loro pietre naturali, senza tagliarle o scolpirle, senza incollarle o cementarle, ma utilizzando solo l'equilibrio e la gravità, e interpretando la loro vocazione di forma e di colore.

    Le opere si trovano in un piacevole bosco di querce (non una vera e propria selva), attraversato da un percorso ad anello e da una miriade di sentieri che nascondono sorprese continue. Il tutto é visitabile in un paio d'ore, ma si può trascorrere piacevolmente un intero pomeriggio.

    I bambini sono accolti senza riserve, perché questo é un modo per avvicinarli all'arte: i bambini odiano i musei, ma questo é all'area aperta e ricorda i loro giochi, e rimarranno entusiasti. C'é anche uno spazio tutto per loro, dove possono divertirsi a realizzare sculture di pietra.

La pietra si risveglia

    Quando le pietre passano per le mani di Deva Manfredo, vengono messe nella giusta relazione con altre pietre e col mondo circostante, ed allora si risvegliano e, come in un sogno senza fine, diventano persone che conversano attorno al fuoco o che riposano distese sull'erba, o una madre che abbraccia il figlioletto, o un commensale seduto ad una tavola imbandita con pane, burro, biscotti, carne, uova e altro ancora, tutto di pietra.
    Oppure diventano il Buddha immerso nella vegetazione e che invita alla meditazione, od una fila di ciottoli che seguono la fenditura di un albero ed invitano alla fusione tra esseri viventi e non viventi. E poi le poltrone di pietra, veramente comode (provare per credere), con tanto di braccioli, poggiatesta e poggiapiedi, che ti avvolgono e ti permettono un meritato riposo nel punto più alto del parco, dove si apre un gradevole panorama.
    Ovviamente le pietre del parco sculture si esprimono anche come materiale da costruzione: ecco che nel bosco si elevano ardite architetture alte più di 4 metri, oppure torri in miniatura dall'aspetto medievale, o palazzi di marmo ad altezza d'uomo, che possono appartenere a qualsiasi civiltà.
    Ma le pietre accostate formano anche linee, spirali, cerchi e mandala, con strabilianti effetti cromatici, che fanno ritornare bambini ed all'universalità del loro gioco.
    I colori dell'arte in pietra sono tanti: c'é l'azzurro, il verde, il rosso, il viola, il bianco, in tutte le loro tonalità. Sono tanti anche i tipi di pietra: c'é l'arenaria, il serpentino, il calcare marnoso, il diaspro. Alcune pietre portano con sè dei fossili, altre sono levigate dal mare, altre screpolate dal sole, tutte hanno in qualche modo assorbito i mutamenti della vita, diventando uno specchio dell'interiorità umana.
    La creatività di Manfredo non consiste nel trasformare le pietre o nell'accrescere la loro bellezza, ma semplicemente nel porre attenzione alla loro innata bellezza ed individualità, e quindi mettere le pietre giuste al posto giusto, rivelando così la loro inconfutabile umanità e costruendo un mondo di armonia, al quale possiamo partecipare come in un sogno senza tempo, in contrasto col mondo reale dove sono gli uomini ad avere il cuore di pietra.

Il Mandala di pietra

    Il simbolo del Magical Stone Sculpture Park é un Mandala realizzato con pietre di diversa forma e colore
    Il Mandala é un disegno simbolico universale, costituito da un cerchio che racchiude figure geometriche, che si ritrova nelle culture di tutto il mondo, come il buddhismo, l'induismo (dove si chiama Yantra) o il cristinesimo (basti pensare ai rosoni delle chiese, tra cui quello bellissimo del Duomo di Siena).
    Nel secolo scorso, il grande studioso di psicologia Carl Gustav Jung ne ha fatto uno strumento di studio delle personalità dell'uomo: figure mandaliche possono apparire spontaneamente nei sogni per indicare la possibilità di un nuovo ordine interiore. Secondo Jung, il Mandala non é solo un'affascinante opera d'arte, ma esercita un'azione sull'autore del disegno, e magari su chi lo osserva, perché nasconde un effetto magico molto antico. L'immagine ha lo scopo di tracciare un magico cerchio protettivo, un recinto sacro della personalità più intima, che tiene lontane le preoccupazioni esterne e consente la riflessione interiore, ed al tempo stesso dà forma a qualche cosa che non esiste, a qualcosa di nuovo, ed é quindi un simbolo di rinnovamento e di rinascita, di una nuova forma di esitenza che scaturisce dalla morte della forma precedente.
    Per questo, dopo un po' di tempo, le figure mandaliche vengono distrutte dal loro stesso autore, e stessa sorte hanno i Mandala di Manfredo. La stessa cosa accade per le altre sculture del parco, che subiscono continue aggiunte e modifiche, distruzioni e rifacimenti: é un continuo divenire, una continua trasformazione. Del resto, nessuno é la stessa persona, il giorno dopo.

Il mandala, simbolo del parco Dreamwoods, Siena
Il Mandala di pietra


Ritratto dell'artista Deva Manfredo
L'autore, Deva Manfredo, che da solo cura questo grande parco
www.devamanfredo-stoneart.com

Informazioni turistiche

LUOGO
   Podere S.Giorgio/La Torre
   Località La Selva / Cotorniano
   (Comune di Chiusdino)
   accanto al centro Osho Miasto

ORARIO
   Da marzo a novembre
   Sabato e domenica: 10:30 - 18:30
   Martedì e venerdì, 14:00 - 18:00 (solo appuntamento 333-4330183)

COSTO INGRESSO
    7 €

RICHIESTE
    Durante la visita é richiesto di:
     tenere spenti i cellulari;
     stare silenziosi;
     non portare animali;
     non fumare;
     chiedere il permesso per fare fotografie.

RECAPITI
   cell. 333-4330183
   devamandredo@hotmail.it
   www.devamanfredo-stoneart.com

ALTRI PARCHI SCULTURE
   Parco Sculture del Chianti
   Bosco della Ragnaia

© Copyright 2010 Fabio Gori