SIENA, IL MUSEO DI SCIENZE NATURALI





  L' Accademia dei Fisiocritici

Siena, Museo di Scienze Naturali. Il chiostro dell'antico convento, con lo scheletro di una balena.
Foto tratta dal depliant dell'Accademia dei Fisiocritici di Siena    E' gestito dall' Accademia dei Fisiocritici (dal greco giudici della natura), fondata nel 1691 per promuovere gli studi naturalistici e di interpretarli alla luce delle nuove idee dell' Illuminismo.
    Gli Accademici si riunivano periodicamente, eseguivano esperimenti, effettuavano osservazioni astronomiche. Una delle principali attività fu subito quella della divulgazione scientifica: nacquero così la Biblioteca (con oltre 6.000 volumi) e appunto i Musei di Scienze Naturali, con reperti messi a disposizione dal mondo scientifico e dalla popolazione. Inoltre l' Accademia realizza mostre temporanee a tema.




  Il museo Zoologico

    Il museo di zoologia animali imbalsamati e farfalle multicolori, classificazione moderna, collezione ottocentesca collezione ornitologica collezione mammiferi marini. Bello il Chiurlo boreale, una specie nordamericana ormai estinta e lo Strigope, in via di estinzione, l'unico pappagallo ad avere abitudini notturne donati al museo dal Barone Bettino Ricasoli, il padre del vino Chianti. Interessanti anche esemplari di Aquila minore e di Capovaccaio Toscana meridionale.



  Il Museo Paleontologico

si possono ammirare enormi molari di Mammuth e microfossili trovati in Toscana e sopratutto nel senese.
    Segnaliamo in particolare le enormi felci di Volterra e le stupende Ammonniti di Gerfalco (era Mesozoica), un cavallo primitivo (Hipparion), un ippopotamo, tartarughe acquatiche, una antilope e un tapiro, oltre che i fossili dei sedimenti marini pliocenici del senese come delfini, sirenidi, mastodonti e rinoceronti. L' Oreopiteco, una scimmia primitiva con alcuni caratteri umani.
    I resti di mammiferi rinvenuti nei sedimenti lacustri del senese, con reperti di cervo, ippopotamo, rinoceronte e di un elefante.
    Collezione di 800 esemplari di funghi in terracotta, di Francesco Valenti Serini (1795-1862).

  Il Museo Geologico

    Il Museo di geologia e mineralogia è costituito da interessanti collezioni, come le terre bolari del Monte Amiata anticamente usati come coloranti naturali con il nome di "terra di Siena", i marmi adoperati per il Duomo di Siena, i minerali grezzi ed i relativi prodotti metallurgici delle Colline Metallifere compresi quelli della miniera delle Cetine.     Notevole importanza l'unico campione dello sciame di meteroriti caduto nel 1794 a Lucignano d'Asso nelle Crete Senesi: il suo studio fu determinante nell'assegnare l'origine extraterrestre ai corpi meteorici.



  La visita

- L'ingresso ai Musei si trova a Prato Sant'Agostino, accanto all' Orto botanico.
- Orario: 9-13 15-18, escluso giovedì pomeriggio, sabato, domenica e festivi.
- Ingresso gratuito.
- Visita guidata e laboratori didattici gratuiti su prenotazione 0577-232940, con minimo 5 persone.
- Disponibile a poco prezzo un'ottima pubblicazione sul materiale esposto.
- Per informazioni: www.accademiafisiocritici.it


Le escursioni dall'AGRITURISMO LA TORRETTA

   Azienda agricola biologica       A 3 Km da Siena

Strada S.Apollinare, 6     53100 Siena     tel. 0577 39.21.66      fax. 0577 39.41.84      la.torretta@libero.it


      HOME        il posto        locali e tariffe        i prodotti        i dintorni        gli eventi