GIUBILEO DELLA MISERICORDIA
Le Chiese Giubilari e le Porte Sante, Siena (Toscana)
dall'8 dicembre 2015 al 20 novembre 2016

Il Giubileo Diffuso

    Il Giubileo della Misericordia voluto da Papa Francesco è un'occasione irripetibile per riscoprire le radici della nostra cultura.
    Infatti, a prescindere dalla fede di ognuno, è innegabile che i valori cristiani fanno parte della cultura occidentale, e la scelta del Pontefice di elevare a chiese giubilari tutte quelle con la porta santa dà l'opportunità di riscoprire luoghi e momenti di meditazione che sono parte fondamentale del nostro essere.
    Il giubileo diffuso è quindi l'occasione per percorrere itinerari religiosi alla scoperta di cattedrali ed abbazie proprio nell'anno in cui assumono maggiore rilevanza, per ritrovare luoghi che spesso ci portiamo dentro senza averne la consapevolezza, e per ritrovare nelle immagini sacre i simboli ai quali l'inconscio collettivo attribuisce inconsapevoli significati.

Il percorso giubilare nel Duomo di Siena

    Nel Duomo di Siena è stato appositamente allestito un percorso giubilare, aperto dalle 10:30 alle 17:30 (salvo chiusura in occasione delle funzioni religiose).
    La Porta Giubilare, detta "del Perdono", si apre sul lato lungo del Duomo.
    Sopra la Porta Santa è collocata la copia di un famoso tondo di Donatello, raffigurante una Madonna col Bambino, detta appunto "del Perdono" (1458 ca.), mentre l'originale si trova per l'occasione nella vicina Cripta.
    Appena varcata la soglia della Porta della Misericordia, ci si trova a tu per tu con l'addetto che presiede un banco informazioni, e poco oltre una fila di pannelli alti due metri isolano il percorso dal resto della cattedrale e dai turisti entrati a pagamento.
    Subito si può entrare nella Cappella del Voto, il più importante santuario mariano della città, dove si trova la duecentesca Madonna del Voto, alla quale i senesi si sono sempre rivolti nei momenti di difficoltà, magnificamente inserita in un'elegante e grandiosa cornice di Gian Lorenzo Bernini, realizzata in bronzo dorato e lapislazzuli blu.
    Si passa quindi davanti alla zona dei Confessionali e poi si arriva alla Cappella del Santissimo Sacramento. All'interno delle due Cappelle, dedicate al raccoglimento, occorre osservare il più assoluto silenzio.

L'apertura della Porta Santa a Siena

    La Porta Santa della Cattedrale di Siena è stata aperta il 12 dicembre 2015 davanti a seimila persone, che la piazza non riusciva ad accogliere, cosa mai accaduta nemmmeno in occasione del Palio.
    La processione, con famiglie di tutte le età, tanti giovani e tanti bambini, è arrivata al Duomo quando cominciava a far buio, con l'odore dell'incenso lasciato per le vie ed il silenzio irreale che sucitava al suo passaggio.
    Poi le simboliche tre spinte alla porta del Perdono ed a seguire la Santa Messa, dove i 20 sacerdoti hanno dovuto spezzare le ostie prima in due e poi in quattro per poter accontentare tutti.

Altre chiese giubilari nel senese

    Di seguito l'elenco delle chiese giubilari del senese:
- Vicino a San Gimignano, il Santuario di Pancole, dedicato a Maria Santissima Madre della Divina Provvidenza;
- A Poggibonsi, la Basilica di S. Lucchese;
- A Colle Val d'Elsa, la Concattedrale;
- Nelle Crete Senesi, l'Abbazia di Monte Oliveto Maggiore e la Basilica di S.Agata di Asciano;
- In Val di Merse, l'Abbazia di S. Galgano e Eremo di Montesiepi, quello con la spada nella roccia;
- A Montalcino, il Santuario della Madonna del Soccorso;
- A Montepulciano, nella Piazza Grande, la Cattedrale di S.Maria;
- In Val d'Orcia, la Collegiata dei SS. Quirico e Giuditta nel borgo di San Quirico d'Orcia, e la Concattedrale di Pienza;
- In Val di Chiana, il Santuario S.Maria del Rifugio di Sinalunga, e la Concattedrale e le Catacombe di Chiusi.
- Sul Monte Amiata, il Monastero di Abbadia San Salvatore e, sul versante opposto, la Pieve di S.Maria a Lamula presso Arcidosso (GR).

© Copyright 2015 Fabio Gori